Solo coloro che sono abbastanza folli da voler cambiare il mondo …lo cambiano davvero!Just another WordPress.com site

Archivio per febbraio, 2016

IO SONO FANGO di Roberto Allegri

IO SONO FANGO di  Roberto Allegri

Ringrazio tutti coloro che hanno letto e leggeranno questo contributo e che magari hanno trovato curiosità per il mio blog LAVORATORI ACROBATI , un blog da un titolo molto evocativo e per quanto mi riguarda molto reale , in cui si possono trovare tante questioni in cui si incrocia soprattutto lo sguardo di chi da precaria e con grosse difficoltà di sopravvivenza lavorativa , pur operando in ambienti cosiddetti alti , non rinuncia a sperare e a pensare che tutto può cambiare in meglio.

12799355_10208836174450347_8487005286785896939_n

 

La storia del figliol prodigo ripresa dal Vangelo e romanzata dall’autore ………molto interessante sia dal punto di vista cattolico che laico e sia per i padri di oggi che per i figli di oggi e ho pensato soprattutto al percorso narrativo che in questi anni ci ha proposto il noto psicanalista e scrittore Massimo Recalcati quando parla di Ulisse e del figlio Telemaco (che aspetta il ritorno del padre)  ………nel figliol prodigo vi è il tema centrale del perdono e molto altro ……da laica trovo sempre molto interessanti queste incursioni in ambito cristiano/cattolico e alcune urgenze di aggancio alla contemporaneità.

 

Il “figliol prodigo” potrebbe ricordare quello che  il professor  Massimo Recalcati chiama il figlio “narciso” dell’attuale società orizzontale , che sperpera i beni paterni e tocca il fondo in tutti i sensi , ma che ad un certo punto torna sui suoi passi e comprende l’importanza delle sue radici e del suo “debito” verso il padre , quella che sempre Recalcati chiama  l’”eredità” paterna . In questa antica ed evocativa parabola del vangelo c’è il tema del “perdono” ma anche quello del “senso di colpa” che ad un certo punto divora il figliol prodigo e nel romanzo di Roberto Allegri IO SONO FANGO divorerà appunto il personaggio del romanzo che si chiama FANGO e che andrà oltre il suo “senso di colpa “. Mi sono venute in mente le numerose tragedie anche attuali della nostra cronaca in cui spesso non si riesce  a perdonare , mariti/padri che non sanno perdonare e che non sanno accettare che le cose possano cambiare in una famiglia , nei rapporti con la moglie , così di figli che compiono drammi indicibili perché non hanno ricevuto il perdono tanto atteso e il senso di colpa li ha devastati tutta la vita senza soluzione . Bisognerebbe dedicare più tempo a parlare di questi temi con lettura di episodi contemporanei in maniera che si possano fornire strumenti emotivi che aiutino genitori e figli a decodificare esperienze e vissuti personali che non portino mai ad estreme conseguenze e a tragedie familiari.

I genitori dovrebbero pensare alla propria “eredità” da lasciare ai figli , un’eredità di tipo morale e fatta del desiderio verso la vita, verso interessi e passioni da coltivare , con padri e madri che con le loro storie , la passione nel proprio lavoro, dal più umile al più complesso e illustre, renda i figli di oggi consapevoli/responsabili di questa preziosa eredità genitoriale e familiare con cui potranno attraversare ogni difficoltà e ogni bivio esistenziale che si troveranno di fronte .

Dunque sono veramente tanti i sentimenti  che si ritrovano in questo romanzo : l’abbandono, la perdizione/peccato, l’accoglienza, le aspettative, il risentimento /odio , la compassione /misericordia e il perdono;  giustamente un’amica di Facebook  mi  ha   ricordato che è il tema del figlio “prediletto” ,  un  grande tabù  della nostra società ……..e anche in questo caso  la questione meriterebbe ulteriori riflessioni e confronto  .

Un romanzo da leggere    per riflettere  e  per decodificare  il contemporaneo  rapporto genitori-figli  al di là  di ogni condizionamento culturale  e moralistico.

 

Stefania Cavallo

28 febbraio 2016

Annunci

SCUOLA : Certificati “Dis” , Dislessia, Discalculia e Disgrafia ………..

SCUOLA :  Certificati  “Dis”  , Dislessia, Discalculia  e   Disgrafia   ………..

 

 Domande

Certificati  “Dis”  , Dislessia, Discalculia  e   Disgrafia, su  questa questione  vorrei iniziare una riflessione  perché  quest’anno mi sono trovata  in questo  “mondo- scuola”    in cui  sembra essere una delle  priorità.

Da diverso tempo mi occupo di assistenza allo studio per ragazzini e adolescenti  che hanno diversi problemi di  apprendimento  legati  allo  studio  e supporto anche  famiglie   e   genitori   durante  le fasi  più significative e importanti  dei  percorsi scolastici   dei propri figli  .

Questa  è un’attività che mi appassiona , in cui  metto il cuore e la testa  perché non basta avere delle tecnicalità con questi ragazzini  , bisogna spesso  “salire” al loro livello  e  togliere tutte le sovrastrutture , “togliere e togliere” ,  senza per questo  svilire l’approccio allo studio e al   metodo .

A volte quando esco da una lezione con uno di questi ragazzini mi sento esausta e spesso auto- verifico qualche mia carenza  che  già mentalmente , e con una certa creatività ,  mi fa lavorare per  la preparazione della prossima lezione in cui poter  spiegare    meglio  quel concetto  o quell’operazione  o altro e non sono tranquilla finché  non sperimento , col mio ragazzino,  alternative e soluzioni  corrette .

Il  mio obiettivo in queste situazioni  non è mai il voto , che sia sufficiente o alto, il mio  obiettivo in particolare è trasferire a queste  ragazze  e ragazzi   un modo diverso di approcciare la materia  che risulta per loro più difficile , senza creare chissà quali aspettative e con uno sguardo  al senso del lavoro che si sta facendo , poi  credo sia importante che ci sia quel rapporto umano  in cui si possa ogni tanto scherzare e tirare un  meritato  sospiro .

Questa è una premessa  che vuole fare da ponte  proprio  alla comprensione  del  mondo delle numerose certificazioni  che si producono e vengono richieste in ambito scolastico da qualche anno a questa parte in Italia .

Come genitore non ho mai fatto questo percorso per mio figlio  perché  dalla scuola  non ci è mai stata segnalata qualche problematica in tal senso ,  né   al momento  ho rilevato  nulla  (anche se   non si può mai dire……) ,  ma anche chi  come me  è  in questa casistica , forse  anch’essa un po’ anomala  e con un certo  imbarazzo perché all’incontrario,  spesso si trova  come genitore  a parlare con   gli altri  genitori  che  hanno  la figlia o il figlio con dislessia, discalculia , disgrafia  e così via , si parla spesso di  certificati  richiesti e prodotti anche in corso d’anno, a inizio del secondo quadrimestre,   affinché   finalmente  questi studenti  possano trovare ,  con un po’ di pace per tutti, dei percorsi o  piani  personalizzati  di studio più alla loro portata  e realizzabili , tenendo conto di diversi modi di apprendere  utili al singolo.

La  mia personale riflessione  allora è  quella di chi si pone delle domande  su questo fenomeno sempre più diffuso  e   necessario,  credo però che  non  si sia   pronti  per gestirlo nella sua complessità  e a 360 gradi .

A volte percepisco che possa essere rischioso ridurre un percorso scolastico  a produzione di certificati  e che si possa perdere di vista  il senso vero  e le finalità che presenta  il “mondo- scuola” .

Conosco  bene  anche la questione dei nostri  studenti che presentano grandi   “carenze  cognitive pregresse “  in alcune materie , in particolare  è nota  la grossa difficoltà degli studenti italiani  in materie come la matematica e le  lingue   straniere  e non mi sembra che ad esempio   su queste questioni ci siano molte alternative  o soluzioni  organizzate e istituzionalizzate se non  il supporto  spesso  salvifico  delle  “ripetizioni private” ,  laddove  si riesca a coniugare la bravura del professore  ingaggiato  con gli obiettivi  scolastici  di riferimento  presieduti  dal  professore  titolare  della materia  nella scuola  del  nostro   malcapitato e “carente”  studente .

Perché allora ci troviamo di fronte a  questo scenario ?

Cosa c’è dietro il mondo  delle  certificazioni  “DIS”  ?

Ci  sono  storie  di   percorsi di grande  sofferenza  individuale  per quegli studenti , e le loro famiglie,  che  per anni hanno pensato  di essere “deficienti”, passatemi il brutto termine, perché trattati da “deficienti”  in alcune scuole  e  da  alcuni professori  “incompetenti”  e mi domando però se la scuola  non debba essere  invece  quel luogo “elettivo”   in cui  si aiuta a crescere  e a formarsi  un’idea sul mondo e le cose ,  anziché un luogo  in cui ci si preoccupi più di  un’istruzione  un po’  “al ribasso” , in cui si creano mondi divisivi  tra  chi ha i certificati e chi non li ha,  chi ha  solo (si fa per dire)   delle “carenze cognitive pregresse”  e quindi   non può avere scusanti  perchè “deve  studiare di più per recuperare”, oppure chi  è   sfortunatamente  “ normale”  , in maniera anomala  e  fino a prova contraria ,    e allora  ha  “zero”  scusanti  del tutto .

Mi rendo conto di essere molto confusa  in materia , ma anche perché  su questi temi molto delicati e complessi  si creano  molte  divisioni   e  poca sensibilizzazione culturale  e non sempre è facile orientarsi  né per genitori né per i ragazzi .

“Nella scuola che mi piacerebbe”   so che le cose si cambiano con la fatica , con l’interrogarsi  in continuazione e ammettendo anche il proprio fallimento. Se non c’è la volontà autentica di cambiare , nemmeno la migliore formazione dei formatori e degli insegnanti può essere efficace ; non c’è apprendimento che tenga se non si considera la  RELAZIONE  in cui lo stesso si svolge, ossia la RELAZIONE  docente-discente e di come questa RELAZIONE  sia la risultante di successi e di fallimenti per i due soggetti coinvolti , nessuno escluso.

Per fortuna la storia della scuola è  ricca di testimonianze  di studenti che , grazie all’incontro con  bravi professori,  hanno realizzato una carriera scolastica  costellata  magari  da  qualche caduta  iniziale , poi superata “alla grande”, così  come  da significativi   successi  con  relativa  valorizzazione dell’autostima , realizzazione personale e  umana .

Irene Auletta, stimata consulente pedagogica,   con piacere ha rilanciato questo mio contributo  anche  su  Facebook  dicendo: “Stefania Cavallo  apre importanti riflessioni e interrogativi su una delle fotografie più confuse della nostra scuola. Mi piace pensare (e sperare!) che l’amore per il sapere possa tornare nelle classi svelando che la strada delle certificazioni o dei BES (altra questione assai confusa!) può far incrociare parecchie trappole inattese.
Grazie Stefania!”

Stefania Cavallo

25/02/2016

Insegnare-lasciare il segno

Insegnare-lasciare il segno

 

12108781_10207882816656998_1428499708947604775_n

Quando termino una lezione ad esempio su  Racine  e  analizzo  , in francese, la sua opera “Phèdre”   so che dovrò un po’ faticare per far capire il pensiero dell’autore, collocandolo nella sua epoca e con un ulteriore  slittamento temporale all’ epoca  in cui è ambientata la storia .

Ebbene a volte devo insistere per introdurre qualche elemento umano e un po’  “differente” con le  mie digressioni culturali, rispetto magari allo schema che lo studente ha in mente , con una certa rigidità,  e devo dire che ogni volta si crea  un bello scambio che mi richiede più impegno del solito , ma alla fine sono soddisfatta perché percepisco di aver passato, attraverso lo studio,  qualcosa di importante e utile ,  forse qualcosa che  non coinvolge solo  lo studio ma qualcosa che  tenta di orientare  uno sguardo più profondo sulla vita .

C’est magnifique!

 

Stefania Cavallo

5 febbraio 2016