Solo coloro che sono abbastanza folli da voler cambiare il mondo …lo cambiano davvero!Just another WordPress.com site

Archivio per ottobre, 2014

Un incontro speciale

“La nostra vita è fatta degli  incontri che abbiamo avuto”  (Massimo Recalcati)

fiori

Cara  Am ,

come  sappiamo entrambe  le nostre vite da settimana prossima prenderanno percorsi diversi  perché tu cambierai nazione  e ti trasferirai  in altro luogo con la tua famiglia  e il caso ha voluto che  lo stesso giorno  anche io faccia  il  mio trasloco , ma  per restare dove sto   nello stesso luogo di residenza attuale , solo mi sposterò di poco avendo trovato una casa più sostenibile  economicamente  per la mia famiglia.

Ci siamo conosciute a gennaio   tramite il lavoro e  perché  dovevo essere la tua insegnante privata di italiano  perché da straniera  venuta in Italia da circa due anni  volevi  “parlare  bene”  la nostra lingua, nonostante tu sia praticamente  una poliglotta con all’attivo  un perfetto spagnolo,  inglese, tedesco e francese  .

Sapevo che eri un’ insegnante di yoga e che  le nostre lezioni  sarebbero avvenute durante la pausa del pranzo , perché  desideravi fare delle lezioni non  di stampo tradizionale ma eri interessata  a scambiare con la tua insegnante una lingua  che ti raccontasse  un po’ tutto dell’Italia e degli Italiani  e così è stato .

Un giorno  di ogni settimana , per  otto mesi intensi,  ci siamo incontrate per   la ritualità della nostra lezione di italiano  , che non era semplicemente una lezione  qualsiasi  ma era qualcosa di più  .  Per me era la possibilità di scambiare  diverse  cose,   di  cucinare insieme  qualcosa che fosse buono e soprattutto non prevedesse  l’impiego di carne  ma solo cibi vegetariani  , con quelle tue spezie  orientali   sempre nuove  ,  e per me il raccontarti  prendendo spunto dal libro  canonico di italiano ma per poi spaziare  sugli  autori  italiani  contemporanei  che amo di più  e parlarti della nostra difficile situazione politica ed economica attuale .  Ricorderai che sapendo la tua passione per le arti meditative abbiamo visto il video di Tiziano Terzani  e abbiamo letto un po’ di lui , del grande  giornalista  e personaggio   che è stato .

Così mi sembrava  interessante poterti parlare di Lorella Zanardo e del suo lavoro  a favore  delle donne e  per una maggiore consapevolezza a proposito del “corpo delle donne“ e la questione  della  martellante  manipolazione  mediatica ,  aspetto  in cui noi italiani  siamo ancora molto arretrati culturalmente rispetto  agli altri paesi europei.

Ti ho  parlato del mio ultimo libro sulla mia famiglia   e  insieme abbiamo parlato delle nostre famiglie  attuali   e d’ origine . Mi hai raccontato dei tuoi nonni in Bolivia   e di questo paese in cui sei  cresciuta  da piccola  per poi andare in Germania  a studiare  e lavorare  e diventare praticamente una donna, la donna di oggi .

Tutto questo mi  aveva dato lo  spunto per scrivere un  storiella che mi  avevi raccontato   accaduta in una cittadina boliviana  e , questa primavera, durante la mia campagna come candidata sindaco  a Basiano  avevo deciso di pubblicarla sul mio blog  col titolo “storiella boliviana”  ed eccola (https://stefaniacavallo.wordpress.com/wp-admin/post.php?post=887&action=edit )  :

“Qualche giorno fa un’amica mi ha raccontato un bella storiella  personale  .  Mi ha  raccontato che in una città  situata al nord   della Bolivia, in cui è nata,  una sindaca cominciò a creare giardini  fioriti  e cominciarono a vedersi fiori , forse un po’ troppi, ovunque .

I cittadini però all’inizio  erano contrari   perché  pensavano che fosse uno spreco , ma poi col passare del tempo cominciarono a capire  che questa era un’ottima opportunità per dare lavoro ai giardinieri e a tutti colori che vi erano coinvolti , dalla progettazione dei giardini , alla messa in opera dei fiori ecc. .  Non solo,  ma la città era diventata molto  più bella  a vedersi , sul piano estetico , della bellezza dello sguardo   ed  era più bella  anche  rispetto alle altre  città vicine  .  Arrivavano da fuori a vedere i suoi bei giardini  e ad ammirare i  colori  e l’incanto di questa città.

Ecco per me la morale di questa poetica storiella :  non siamo più abituati a cogliere il bello nelle cose  e crediamo che sia tutto inutile, purtroppo   quando succede questo,  il nostro sguardo si è già spento colti da tristezza e apatia verso ogni cosa .  Per fortuna che ci sono però persone come  la sindaca boliviana!

Poi  mi hai portato nel  tuo mondo dello yoga , quello che mi avevi proposto  e che svolgevi di venerdì  mattina  con altre donne,  ma che avevo  cercato  di  evitare  perché  pensavo che  non sarebbe stato per me  fattibile,  quasi  con   una  sorta  di  resistenza  che mi chiudeva a questa possibilità .

Ma poi quando mi hai parlato di uno yoga speciale per donne  che potevano avere problemi fisici  , alla schiena,  o che si trovavano in menopausa e di questo “ well woman yoga”,  di un’associazione londinese  molto interessante  che si chiama  “Birthlitght”, non potevo più  negarmi  e così  insieme ad altre amiche abbiamo svolto per circa 6 settimane  , di domenica  sera ,  questo yoga  speciale  che hai svolto con  passione ,  attenzione  e leggerezza veramente uniche.

Non solo  mi  sono sentita  bene ogni volta , dopo quasi  due ore del tuo yoga,  ma  ho scoperto che per molto tempo avevo trascurato  il mio corpo  sbilanciandomi soprattutto  sul  livello mentale e quindi  questo mi ha stimolata  a prendermi più cura di me  a livello fisico e a livello alimentare .

Ora  ci siamo salutate ,  tu hai il tuo ottimo livello di italiano che volevi raggiungere  e io  la consapevolezza di aver avuto in cambio molto di più di quello che pensavo di lasciarti  cara Am e ne sono felice,  anche se  in contemporanea  mi sento un po’ triste  per  questo  distacco.

In fondo non vai lontanissimo e chissà  non è detto che ci si possa re-incontrare o magari tu potrai svolgere qui in Italia  qualche corso  di yoga  nei week-end ,  no?

Grazie di cuore cara amica  per averti conosciuta  e  per  questo  bell’  “ incontro” che non dimenticherò   e lo   yoga che , con  tutto ciò  che mi hai lasciato in eredità ,  in qualche modo potrà  continuare  a ricordare e  a ricordarti .

Stefania

19  ottobre 2014