Solo coloro che sono abbastanza folli da voler cambiare il mondo …lo cambiano davvero!Just another WordPress.com site

GRAZIE CARO PROFESSOR SAVONA PER AVERLA CONOSCIUTA , AL DI LA’ DI QUESTE SFORTUNATE PROVE TECNICHE DI GOVERNO DEL CAMBIAMENTO . MAGARI CI SI RIVEDE, CHISSA’ !

INTANTO VOGLIA  ACCETTARE  LE MIE SCUSE  , DA CITTADINA ITALIANA, PER TUTTO QUELLO CHE HA DOVUTO SUBIRE IN TERMINI DI SGRADEVOLE ESPOSIZIONE DA PARTE DELLA  COMUNICAZIONE MEDIATICA. LEI E’ UOMO DI MONDO E AVRA’ SAPUTO VOLTARE PAGINA,   LE SUE PAROLE  AVRANNO FATTO IL GIRO DEL MONDO E LEI RESTA  E RESTERA’ PER SEMPRE NEL MIO CUORE E NEL CUORE DI MOLTI ITALIANI .

Stefania

 

Dal 27 maggio , per me non è più come prima!

 

#ILMIOVOTACONTA

Scusatemi , ma oggi non sono “politically correct” come sono di consueto e non riesco nemmeno a dare la mia solidarietà umana al nostro Presidente Mattarella, semmai mi sento di darla a tutti gli Italiani che aspettano da mesi , da quel “nostro” voto del 4 marzo, di poter riconoscere un governo reale di cambiamento , la Terza Repubblica che tanto hanno desiderato e desiderano ancora , oggi più di ieri . Mi scuso con tutti i miei amici e le mie amiche per quello che provo oggi , ma chi mi conosce, mi segue e mi stima , ne comprenderà anche le ragioni profonde, altruistiche mai personalistiche , che poi mi sembra siano veramente condivisibili .

Credo nelle Istituzioni, credo nella Democrazia, credo nel nostro paese, in un’Italia cresciuta e matura per tornare al voto e dire finalmente la sua, la “nostra”. Il nostro Presidente mi ha profondamente delusa e amareggiata e non sarà facile , per me, guardarlo in maniera serena “come se” non fosse successo nulla col suo veto e non solo per il veto in sé, ma per il tempo perso a illudermi e a illudere molti Italiani che credono ad un cambiamento, che credono ad un programma che non lascia indietro nessuno, che vuole finalmente combattere la corruzione, che mette al primo posto i beni pubblici, che mette al primo posto “le persone” , ripensando la sanità, ripensando la buona scuola e molto altro.

Non sarà più come prima nemmeno per me, ma non rinuncio alla libertà del mio voto e non vorrò dare la soddisfazione a qualcuno di perdere la fiducia nelle istituzioni e nel mio bel paese.

Amo il mio paese e sono riconoscente infinitamente a chi mi ha trasmesso i valori di libertà, di democrazia , di espressione, di tolleranza e di pace . Riparto da qui, oggi.

LA LETTERA DEL PROFESSOR PAOLO SAVONA

paolo savona

Qui di seguito , ricordo la lettera del Prof. Paolo Savona, candidatura al Ministero dell’Economia , su cui il Presidente Mattarella ha posto il suo veto lo scorso 27 maggio . Una bellissima lettera di risposta al nostro Presidente:

“Ho subito un grave torto dalla massima istituzione del Paese sulla base di un paradossale processo alle intenzioni di voler uscire dall’euro e non a quelle che professo e che ho ripetuto nel mio Comunicato, criticato dalla maggior parte dei media senza neanche illustrarne i contenuti. Insieme alla solidarietà espressa da chi mi conosce e non distorce il mio pensiero, una particolare consolazione mi è venuta da Jean Paul Fitoussi sul Mattino di Napoli e da Wolfgang Münchau sul Financial Times. Il primo, con cui ho da decenni civili discussioni sul tema, afferma correttamente che non avrei mai messo in discussione l’euro, ma avrei chiesto all’Unione Europea di dare risposte alle esigenze di cambiamento che provengono dall’interno di tutti i paesi-membri; aggiungo che ciò si sarebbe dovuto svolgere secondo la strategia di negoziazione suggerita dalla teoria dei giochi che raccomanda di non rivelare i limiti dell’azione,perché altrimenti si è già sconfitti, un concetto da me ripetutamente espresso pubblicamente. Nell’epoca dei like o don’t like anche la Presidenza della Repubblica segue questa moda.

Più incisivo e vicino al mio pensiero è il commento di Münchau. Nel suo commento egli analizza come deve essere l’euro per non subire la dominanza mondiale del dollaro e della geopolitica degli Stati Uniti, affermando che la moneta europea è stata mal costruita per colpa della miopia dei tedeschi. La Germania impedisce che l’euro divenga come il dollaro “una parte essenziale della politica estera”. Purtroppo, egli aggiunge, il dollaro ha perso questa caratteristica, l’euro non è in condizione di rimpiazzarlo o, quanto meno, svolgere un ruolo parallelo, e di conseguenza siamo nel caos delle relazioni economiche internazionali; queste volgono verso il protezionismo nazionalistico, non certo foriero di stabilità politica, sociale ed economica. È il tema che con Paolo Panerai ho toccato nel pamphlet recentemente pubblicato su Carli e il Trattato di Maastricht, dove emerge la lucida grandezza di Paolo Baffi. L’Italia registra fenomeni di povertà, minore reddito e maggiore disuguaglianze. Il 28 e 29 giugno si terrà un incontro importante tra Capi di Stato a Bruxelles: chi rappresenterà le istanze del popolo italiano? Non potrà andarci Mattarella, né può farlo Cottarelli. Se non avesse avuto veti inaccettabili, perché infondati, il Governo Conte avrebbe potuto contare sul sostegno di Macron, così incanalando le reazioni scomposte che provengono dall’interno di tutti indistintamente i paesi-membri europei verso decisioni che aiutino l’Italia a uscire dalla china verso cui è stata spinta. Münchau giustamente afferma che “teme non vi sia un sostegno politico nel Nord Europa” e quindi non ci resta che patire gli effetti del protezionismo e dell’instabilità sociale. Si tratta di decidere se gli europeisti sono quelli che stanno creando le condizioni per la fine dell’UE o chi, come me, ne chiede la riforma per salvare gli obiettivi che si era prefissi.”

Paolo Savona

Fonte: https://scenarieconomici.it/la-risposta-del-prof-paolo-savona/

Stefania Cavallo

29 maggio 2018

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: