Solo coloro che sono abbastanza folli da voler cambiare il mondo …lo cambiano davvero!Just another WordPress.com site

Incontro con parole che curano, elaborano i propri lutti e non sempre svelano certi enigmi.

immagine 4

PER VIVERE BISOGNA ESSERE FELICI. Sono sempre stata molto mattiniera , sin da studentessa, e anche oggi la sveglia a casa nostra è sempre al mattino molto presto verso le 05,30 a volte anche prima …….poi dopo un paio di caffè eccomi a preparare ogni mattina le colazioni del pranzo/ “schiscette” per marito e figlio e poi sveglia del figlio che impiega , come sarà noto per ogni adolescente, qualche minuto di “avviso sveglia” a ripetizione e però il tutto poi si svolge secondo la “tabella di marcia” prevista per poter arrivare a scuola in orario alle 8,05 , ma non sempre!
Poi quando i miei due “ragazzi” sono fuori , eccomi a organizzare finalmente la mia giornata che in realtà a livello mentale è già iniziata , a volte con alcuni pensieri notturni che mi svelano soluzioni imprevedibili ma praticabili . La mia giornata è fatta di sistemazioni in casa, in alternanza con mio marito quando è a casa, e poi con alcune collaborazioni di lavoro , quando ci sono , con lezioni e dal mio sostegno pomeridiano a chi ha difficoltà nello studio e nello svolgere i compiti , in particolare seguo un ragazzino dolcissimo con grande piacere da 5 anni e che da settembre prossimo andrà alle superiori.
Mi piace scrivere appena mi è possibile , come forse qualcuno sa, e lo faccio quando ne sento la necessità perché per me la parola, anche quella scritta, è farmaco , cura – autocura-autoterapia e ci sono periodi in cui scrivo di più. Durante le mie giornate utilizzo anch’io il pc e sono “social”, ma soprattutto cerco di restare “sociale” nelle relazioni e nei rapporti che amo coltivare e consolidare nel tempo. Amo incontrare chi è interessato alle tematiche che tratto nei miei libri, ma anche dei libri belli altrui,  e amo poterne parlare e discutere , quando capita.
Durante le mie giornate mi capita di incontrare discorsi “enigmatici” e persone ” enigmatiche” , insomma veri e propri “enigmi” che in qualche modo rendono queste giornate piuttosto ricche e complesse, sino a quando non li risolvo e a volte non ci riesco, ma me ne faccio comunque una ragione, o ci provo.
E c’è l’elaborazione del lutto della mamma , che in questi giorni mi sta mettendo a dura prova proprio perché alcune dinamiche familiari e di contorno sono spiazzanti , ma , come mi dice il mio amico neuro-psichiatra, nelle famiglie accade.
Le mie giornate , come immagino anche quelle di altri, sono sempre giornate molto intense e spesso difficili perché prive di alcuni punti di riferimento certi , come il lavoro e la gestione di un ménage quotidiano in cui bisogna fare i salti mortali con molta , molta resilienza concreta……..ma mi ritengo una persona fortunata perché , con l’amore di mio marito e di mio figlio, non mi sento mai sola ( non disdegno la solitudine quando occorre e quando scrivo ecc.) , anzi ricevo molti stimoli e supporto , a volte con belle provocazioni concettuali, e tutto ciò mi fa essere una persona giustamente “complicata” , come qualcuno mi definisce, ma forse ad alcuni verrebbe più da dire “rompiscatole” ….basta che non mi offenda gratuitamente e mi sta bene quel che pensa …..parliamone ! Dimenticavo ……coltivo sempre il mio giardino interiore e non cambierei questa mia vita con altre, coi suoi pro e i suoi contro ……certo ogni tanto un pò più di tranquillità mi manca.

Stefania Cavallo

2 aprile 107

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: