Solo coloro che sono abbastanza folli da voler cambiare il mondo …lo cambiano davvero!Just another WordPress.com site

Ragionando di violenza

Dedicato a Sua Santità il XIV  Dalai  Lama

non-violenza

Da un pò di tempo,  sto riflettendo sul tema della violenza, oggi così diffusa e presente in varie forme anche quelle più invisibili e subdole.

Mi hanno  smosso intimamente  e di recente  anche le parole del regista Ivano De Matteo  nel parlare del suo ultimo film che racconta  di una donna maltrattata dal marito e che fugge in un’altra città col figlio adolescente per ricostruirsi una nuova vita , e   le parole di De Matteo sono queste più o meno , andando a memoria :  “ ho cercato di evocare, di far percepire   la violenza nel film senza mai mostrarla veramente “  ,   così   ho pensato  subito  che per chi si trovasse  nella posizione di spettatore di quel film in effetti  gli arrivasse  esattamente questa percezione , ossia di  moti violenti  sin dalla prima scena ma mai sfacciati e stressati , come invece accade in molte pellicole contemporanee , in cui la violenza  è  “la  protagonista” e viene presentata estremizzandola,  soprattutto visivamente con scene sanguinarie  e tremende .

Siamo in un’epoca in cui l il clima di violenza  e di sopraffazione  “si taglia con l’accetta”,  a tal punto che  ne siamo spettatori impotenti , se non vittime a volte inconsapevoli o attori  consapevoli   nei rapporti  privati e meno privati .

Soprattutto tra i giovani , colgo sguardi   impreparati  nel  ragionare su questi argomenti  e mi dispiace molto, perché  quando parli con loro e li ascolti  spesso hanno subito un episodio di bullismo nella scuola e spesso ne sono usciti  con delle ferite mai completamente guarite , magari  iscrivendosi a corsi di autodifesa, sia ragazze che ragazzi, come se il problema  fosse sempre e solo quello di  “difendersi”  per non subire ingiustizie e  aggressioni  violente  e non quello  invece  di  creare , costruire delle condizioni culturali e sociali in cui   i giovani e le persone  tutte possano desiderare  di vivere  “senza sentirsi continuamente in pericolo” , perché il clima che si respira in questa società , peraltro  così evoluta  da tanti punti di vista,   è proprio quella del continuo pericolo di essere offesi , colpiti , denigrati  e vessati  con violenza e senza motivo, sia  a livello psicologico e invisibile che  in maniera fisica e visibile .

Questo sentimento di “continua pericolosità” e di  “esposizione impotente  ”  della persona  ci riguarda un po’ tutti,   trova conferma nei fatti della quotidianità  soprattutto con gli  episodi  più recenti degli attentati terroristici, così come nei paesi di guerra da cui si sta scappando ,  ma si trova a livello trasversale in tutti i contesti privati e pubblici e come punta di un iceberg  nelle nostre istituzioni , nelle aggressioni verbali dei politici  a cui assistiamo di continuo , così come attraverso  gli effetti   perversi  e  micidiali , nel senso vero della parola, del mondo del web , tanto utile quanto anch’esso   “pericoloso”  e scenario potente di violenza declinata in svariati  modi.

Credo proprio che il tema sia  fortemente  quello di  voler vivere in un mondo in cui ci si possa  relazionare  senza che ci sia continua competizione e sopraffazione e in cui si possa collaborare tutti nel costruire  “modelli”  educativi  ,  culturali  e sociali   percorribili , in cui  poter trasformare  il sentimento negativo del   “sentirsi continuamente in pericolo”  in un sentimento positivo in cui non sia più necessario continuare a difendersi per potersi esprimere , per esprimere opinioni diverse e contrarie a quelle altrui  e  semplicemente  per “vivere”  in una condizione di normalità,  di fiducia  e speranza  per un mondo migliore.

Occorre l’impegno di tutti  e ognuno può fare molto per  creare condizioni di  “non –violenza”  nei vari ambiti in cui opera e vive.

 

Stefania Cavallo

22 ottobre 2016

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: