Solo coloro che sono abbastanza folli da voler cambiare il mondo …lo cambiano davvero!Just another WordPress.com site

mal-di-scuola-copertina

Dedico questo mio nuovo lavoro  ai miei  “maestri” che non ho scordato e non scorderò mai e a tutti quei “maestri” che sanno risvegliare quel sentimento un po’ assopito dell’inesauribile valore della ricerca-conoscenza di sé stessi e del mondo

  

Film più noti ,  alcuni meno noti  e di registi  esordienti , sicuramente scelti  tra quelli che non dimentico  e che ho visto più volte . Una proposta  che si focalizza  su quei film  in cui  tutto viene messo in discussione nel rapporto scuola-istituzione, scuola –società/famiglia e  scuola –eredità.  

Oltre ai racconti forniti dai diversi  film selezionati , si inserisce  anche un gioco di  rimandi e riflessioni a seconda dei temi affrontati e più significativi per me.

 Un omaggio  anche ai tanti film  sul tema che mi sono sfuggiti  e per quelli che verranno realizzati perché il Cinema è inesauribile e non finirà mai di raccontare e di far sognare !

Un progetto  pensato per sensibilizzare adulti e giovani che , nei vari ruoli,  attraversano e vivono l’ambito scolastico con  tematiche  e riflessioni  molto attuali che spesso solo le immagini e  dei percorsi  filmici  “dedicati”  sanno restituire in maniera forse più  efficace  di lunghi discorsi e di molte analisi.

Un argomento che ci riguarda, più o meno direttamente, tutti: la scuola.

Registi, scrittori , educatori, preti  e addetti ai lavori , ( pedagogisti in stretto collegamento con pediatri e neuropsichiatri infantili) ,  che trattano questi temi  spinti  dall’esigenza di raccontare, attraverso la narrazione spesso  autobiografica,  ci spiegano  come  la straordinaria avventura dell’educare appartenga  a ciascuno, così   come   l’impegno e la responsabilità nel consegnare alle nuove generazioni il faticoso ed appassionante mestiere di vivere.

Mi auguro che questo percorso  e progetto  pensato nel tempo e cresciuto in questi anni  possa creare momenti  di discussione e di confronto  nelle scuole  e nella società  civile , tra insegnanti , educatori ,  studenti  e famiglie  in maniera da  attivare nuovi  progetti nei quali  riconoscersi  nel  difficile e misterioso mestiere  dell’insegnare e  dell’ apprendere.

Pennac , come sapete,  faceva  assegnare dei numeri  all’ argomento che sceglievano  i suoi studenti  (una poesia, o altro) e quando voleva sentirli  “dava i numeri” in senso letterale  e al numero chiamato si alzava lo studente che ripeteva a memoria  la poesia o quello che aveva preparato ………qualcosa che questi studenti non avrebbero mai più dimenticato nella loro memoria emotiva, insomma  bellissimi aneddoti e grandi soddisfazioni per il “maestro”-“professore”  di francese   Daniel Pennac.

C’è anche molto altro che riguarda la relazione che si instaura con i ragazzi , accogliendo le singole peculiarità e difficoltà ……e questo rappresenta sempre  per me un’ importante ricchezza di risorse su cui lavorare .

Quindi per me esiste un “metodo Pennac”  molto valido  che ho cercato di fare mio in questi anni e che si può riassumere meglio con le parole dello stesso Pennac , come segue :

“Dai, tu che sai tutto senza aver imparato niente, il modo per insegnare senza essere preparato a questo? C’è un metodo?
– Non mancano, certo, i metodi, anzi, ce ne sono fin troppi! Passate il tempo a rifugiarvi nei metodi, mentre dentro di voi sapete che il metodo non basta. Gli manca qualcosa.
– Che cosa gli manca?
– Non posso dirlo.
– Perché?
– È una parolaccia,
– Peggio di ‘empatia’?
– Neanche da paragonare. Una parola che non puoi assolutamente pronunciare in una scuola, in un liceo, in una università, o in tutto ciò che le assomiglia.
– E cioè?
– No, davvero non posso…
– Su, dai!
– Non posso, ti dico! Se tiri fuori questa parola parlando di istruzione, ti linciano!
– …
– …
– …
– L’amore.

(da Diario di scuola)

 

Stefania Cavallo

12 ottobre 2016

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: