Solo coloro che sono abbastanza folli da voler cambiare il mondo …lo cambiano davvero!Just another WordPress.com site

parigi-attentati210-1000x600

 

In questi giorni i miei studenti , ai quali insegno la bella lingua del francese,  mi hanno chiesto di parlare di quello che ha colpito Parigi e la Francia con  gli attentati del venerdì  nerissimo  del 13 novembre scorso .

Ho ripercorso con loro quella  drammatica sera   e ho cercato di spiegare  loro  il tipo di società francese  e di quella che è stata  denominata “la génération  Bataclan” , giovani di età compresa tra i 20 e 25 anni   provenienti spesso da tutta l’ Europa   per  studio e per lavoro.   Quella sera è stata colpita una generazione e le  sue abitudini  di incontrarsi ,  un venerdì qualunque,   per ascoltare  un concerto metal o per bere qualcosa in un “bistrot” o mangiare qualcosa con amici e parenti in una “brasserie”  o di seguire  la propria squadra durante   un “match di football“   allo stadio .  Ho voluto raccontare le storie di speranza che si sono susseguite dal 13 novembre dei Parigini , e   diventato simbolicamente   11 settembre per tutti noi europei,  come  la storia di   Sébastian  che ha salvato la donna incinta  al Bataclan , così come  ho parlato dei numerosi gruppi di parola che si sono  formati proprio nei luoghi della tragedia ,   come nel bistrot La belle époque , oppure della bella lettera d’amore di Antoine Leiris  “Vous n’aurez pas ma haine”  -“Voi no avrete mai il mio odio”  :

Non avrete mai il mio odio

“Venerdi  sera avete rubato la vita di un essere eccezionale, l’amore della mia vita, la madre di mio figlio, ma non avrete il mio odio. Non so chi siete e non voglio neanche saperlo, quello che so è che siete anime morte. Se questo Dio per il quale voi uccidete ciecamente ci ha fatti a sua immagine, ogni pallottola nel corpo di mia moglie sarà stata una ferita nel suo cuore.

Quindi non vi farò il regalo di odiarvi. Voi l’avete cercato, tuttavia rispondere all’odio con la rabbia sarebbe come cedere alla stessa ignoranza che ha fatto di voi quello che siete. Voi vorreste che io abbia paura, che debba guardare i miei concittadini in maniera diffidente, che io sacrifichi la mia libertà per la sicurezza. E’ una battaglia persa.

L’ho vista stamattina. Finalmente, dopo notti e giorni d’attesa. Era così bella, bella come quando è uscita venerdì sera, bella come quando mi innamorai perdutamente di lei più di 12 anni fa. Naturalmente sono devastato dal dolore, vi concedo questa piccola vittoria, ma durerà poco. So che lei ci accompagnerà ogni giorno e che ci ritroveremo in quel paradiso di anime libere al quale voi non accederete mai.

Siamo due, io e mio figlio, ma siamo più forti di tutti gli eserciti del mondo. Non ho altro tempo da dedicarvi, devo andare da Melvil che si risveglia dal suo pisolino. Ha appena 17 mesi e farà merenda come tutti i giorni e poi giocheremo insieme come tutti i giorni e per tutta la sua vita questo piccolo vi farà l’affronto di essere libero e felice. Perchè no, non avrete mai neanche il suo odio “ di Antoine Leiris .

(Fonte : La lettera di Antoine Leiris : http://www.repubblica.it/esteri/2015/11/16/foto/lettera_marito_moglie_attacco_parigi_non_avrete_mai_il_mio_odio-127508626/1/#1)

 

Una lettera che ho fatto fatica a leggere sino in fondo senza commuovermi e piangere  a dirotto.

Infine ho raccontato la bella intervista di un giornalista ad un bimbo col suo papà che un po’ impaurito ha trovato nelle parole del suo papà un po’ di consolazione convincendosi che i fiori e le candele , messe in piazza a Parigi nei   luoghi colpiti,   lo proteggeranno e ci proteggeranno tutti  (da vedere al seguente link: https://www.youtube.com/watch?v=B1WrobnPGsM)-

 

Sì come dice il piccolo francese  credo anch’io che  I FIORI E LE CANDELE CI PROTEGGERANNO! 

Vive Paris, Vive la France !

 

Stefania Cavallo

21 novembre 2015

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: