Solo coloro che sono abbastanza folli da voler cambiare il mondo …lo cambiano davvero!Just another WordPress.com site

IL SENSO PER ME  della  Giornata Internazionale  sull’ Infanzia  e Adolescenza

20 novembre 2013

 malala

In questi anni ho sempre contribuito  nel  “Fare Cultura”  per le nostre piccole comunità  con molte iniziative, a  titolo personale  di “volontaria”   e per  cinque anni  , dal 2008 al 2012,  il  “20 novembre”  ha rappresentato per me    “ la “  ricorrenza  che ho sempre voluto ricordare , proporre e condividere  in tema di  “Diritti dell’Infanzia “,  in occasione della Giornata  Mondiale  dell’Infanzia e dell’ Adolescenza.

Ho sempre creduto e credo  nei percorsi culturali che aiutano a  migliorare  la propria  consapevolezza  su tematiche prevalentemente   di   carattere sociale .

Mi fa piacere  citare  i temi principali  e i protagonisti  degli incontri  da me realizzati in questi  cinque anni  :

“I bisogni dei bambini e degli adolescenti nei conflitti familiari “  col Prof. Fulvio  Scaparro ;

“I bambini contesi  e Testimonianze   di  “famiglie”  di oggi  , famiglie adottive e affidatarie  “;

La Carta di Alba e di Roma con la Prof.ssa M. R. Parsi  della Fondazione Movimento Bambino  , in collaborazione  con Telefono  Azzurro e l’iniziativa  delle “candele blu” , sul tema “Essere genitori ai tempi di Internet” , un percorso  durato un anno, in autofinanziamento,    con  incontri  tra  esperti   e  i genitori  delle nostre comunità di Basiano e Masate;

“Infanzia e disabilità”   , col Prof. Igor Salomone  e testimonianze del territorio sul tema  ;

– Mirko Locatelli e Giuditta Tarantelli  col film ARIMO , sul tema  “Legalità e  regole  per   bimbe  e   bimbi”;  – Il cinema di  Truffaut  con  il film   “I 400 colpi”  sul tema  “Adolescenza  e rapporto genitori –figli”.

Anche quest’anno il mio messaggio  sarebbe continuato  con una proposta , a costo zero  ,  articolata  e con contenuti  innovativi ,  intitolata  EDUCARE ALLA PACE. 

Quest’anno, a Basiano-Masate,  non terrò  la Sesta  Edizione della G. M.  dell’Infanzia  e  Adolescenza, non per mia responsabilità  !

Comunque  il mio impegno  civile  e da  studiosa  per  la  “Cultura  e il Sociale ”  continua   !

 

 Allora , per chi  ha apprezzato in questi anni  i miei percorsi   di riflessione,  ho pensato di pubblicare , di seguito,   un personale  contributo ,  estratto  da un  mio  intervento  sul tema  :

 

Il Diritto alla Pace di bimbe e bimbi  ,  ragazze e  ragazzi   in Italia e nel Mondo !”.

 

C’è ancora molto da fare  per l’Infanzia    in Italia  , in Europa e nel mondo  e    progetti   di ampio respiro umanitario ,  soprattutto  nelle nostre  piccole collettività ,  sono da alimentare e promuovere in continuazione per distogliere gli adulti  dalle proprie certezze sui  luoghi comuni dell’infanzia , ma anche per  “denunciare”  l’indifferenza di chi  cammina  guardando troppo in alto e sembra  ignorare tutto ciò.

E’ opportuno ricordare che  i bambini , i figli,  hanno diritto ad avere un’ascendenza, un gruppo familiare , che hanno diritto alla PACE.

Il diritto principe è rappresentato appunto dal diritto alla famiglia  o  in alternativa la “casa famiglia” o altro gruppo familiare,   che può rispondere ai bisogni primari.

Vi sono quindi diritti universalmente riconosciuti e necessari.

Così come esistono varie carte  sui  diritti dei bambini  ,  ad esempio l’ ONU –  Convenzione sui diritti dell’infanzia 1989 –  da Preambolo:

“In considerazione del fatto che occorre preparare pienamente il fanciullo ad avere una sua vita individuale nella società, ed educarlo nello spirito degli ideali proclamati nella Carta delle Nazioni Unite, in particolare in uno spirito di pace, di dignità, di tolleranza, di libertà, di uguaglianza e di solidarietà”.

Ebbene  con questa mia premessa  quest’anno non posso non ricordare  e  “ricordarci”   di tutti quei bambini  dell’ “orfanotrofio del  mare “  di Menfi, in provincia di Agrigento,  quei  “ bambini senza” , come sono stati soprannominati dai media,   quei  bimbi  piccolissimi rimasti vivi  nella tragedia del naufragio in mare per Lampedusa ,  in quel “maledetto”  11  ottobre  scorso in mezzo al Canale di

Sicilia .

Soli ,  bimbi  senza più mamma e papà , senza famiglia, senza amore e persino senza nome! 

Da recenti studi   i  “minori non accompagnati”  sbarcati sulle coste siciliane nel 2013 sono 3319 e purtroppo  molti sono ancora senza tutore  e per le pastoie burocratiche rischiano di  restare “invisibili”  e “piccoli fantasmi “ di cui  nessuno si ricorderà più .

I media hanno parlato dei tre fratellini siriani in fuga dalla guerra , due gemellini di due anni e mezzo e il più piccolo  di 10 mesi , e di come “chi li ha soccorsi “   si sia commosso  per la catena umana , degli altri sopravvissuti di quel terribile naufragio,   che li ha tenuti a galla , salvandoli !

Allora in questa occasione mi preme ricordare   soprattutto   il senso di questo  24° anniversario  della “Convenzione  sui diritti dell’Infanzia” , approvata dalle Nazioni Unite il 20 novembre 1989,   ossia  che i “bisogni” dei bambini sono chiamati “diritti”  e  che se spesso  diamo per scontato    tutti questi  principi , in effetti   non dobbiamo dimenticare  che in molti paesi del mondo  i  bisogni  fondamentali   dei   bambini   non vengono  assolutamente  soddisfatti  . 

Infine , come non riconoscerci nelle  toccanti e vere parole  di  MALALA  YOUSAFZAI , la sedicenne studentessa pakistana  , candidata al Nobel per la Pace :

“Un bambino, un maestro, una penna e un libro possono fare la differenza e cambiare il mondo. L’istruzione è la sola soluzione ai mali del mondo. L’istruzione potrà salvare il mondo” , 12 luglio 2013 – ONU.

Stefania Cavallo

Spazio di Mediazione familiare e di Ascolto -Basiano

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: